I nostri consigli

media
Ansia da rientro dalle vacanze?


Quanto l’estate volge al termine e, con essa, le vacanze, in alcune persone si può presentare quella che viene definita ansia da rientro, che può portare la persona a essere limitata nelle proprie attività e nella propria vita, ma a cosa è dovuta?

Cause

Generalmente proviene da uno stato di preoccupazione, e si presenta con sintomi come tensione muscolare, tachicardia, sudorazione, oltre che calo della concentrazione, stanchezza, alterazione di appetito e del sonno, irritabilità ed emicrania.

Il tutto spesso a causa della ripresa delle attività quotidiane, con lo stress e le responsabilità incombenti, che portano ansia, anche se, in alcuni casi, transitoria.

Quando invece lo stato di malessere fisico e mentale non passa, è bene rivolgersi a uno specialista per escludere la presenza di ansia patologica e, nel caso, iniziare un percorso psico-terapeutico comportamentale per apprendere le strategie efficaci per gestire l’ansia, e l’eventuale depressione, da rientro.

Come affrontarla

Per affrontare l’ansia da rientro, si possono intraprendere diverse buone pratiche, efficaci nel vivere meglio il ritorno alla quotidianità, tra cui:

Redigere una lista degli impegni prima del rientro o, ancora meglio, prima dell’inizio delle vacanze. Aiuterà a placare l’ansia perché consente di sapere precisamente cosa si dovrà affrontare nei primi giorni dopo le vacanze, senza dover pensare alle responsabilità durante le ferie, dato che al ritorno la lista di cose da fare sarà pronta per dettare i nostri tempi.

Dedicare del tempo a sé stessi per svolgere delle attività piacevoli: avere ogni giorno del tempo per fare qualcosa di piacevole fa sentire meno il bisogno delle ferie per sentirsi bene.

Programmare un rientro in “anticipo”: rientrare prima della fine delle ferie, magari conservandosi un weekend, per evitare la pressione esterna e avere il tempo di riprendere con calma gli impegni, oltre che occuparsi più tranquillamente della sistemazione delle valigie e delle foto.

Riprendere gradualmente gli impegni: prendersi del tempo per riambientarsi e ritornare poco alla volta alla vita di tutti i giorni.

Seguire un’alimentazione sana che aiuta a sentirsi meglio fisicamente, con effetti positivi anche sulla mente e la percezione del benessere generale.

Attività fisica: passare più tempo all’aperto e svolgere attività fisica aiuterà a tenere la mente impegnata e a stimolare il benessere.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)