I nostri consigli

Artrite reumatoide: alcuni pratici consigli

Cos’è l’artrite reumatoide

L'artrite reumatoide è una malattia autoimmune, che può interessare diversi apparati del nostro organismo, partendo dalle articolazioni e causando infiammazione, dolore cronico, rigidità e stanchezza.

Le forme più comuni e conosciute di artrite sono l’osteoartrite e, per l’appunto, l’artrite reumatoide: quando si presentano in maniera grave o acuta, possono deformare le articolazioni, privando il soggetto della possibilità di eseguire anche le azioni più semplici.

Prevenzione

Come gran parte delle malattie reumatiche, un sano stile di vita potrebbe bastare per prevenirne la comparsa.

A tal proposito, il fumo è la causa principe di questa malattia e va assolutamente eliminato, in quanto le malattie reumatologiche sono notoriamente più diffuse tra i tabagisti.

Mantenersi fisicamente attivi su base quotidiana aiuta molto: l’attività fisica, anche se moderata e adattata alle proprie capacità fisiche, se praticata in maniera costante, aiuta a mantenere in salute e a preservare la flessibilità delle articolazioni.

Alimentazione

L’alimentazione, se corretta ed equilibrata, è la base da cui partire per prevenire e contrastare questo disturbo, in quanto proprio attraverso il proprio regime alimentare, si può ridurre lo stato infiammatorio tipico dell’artrite reumatoide e diminuire la gravità delle crisi.

Le ricerche effettuate hanno sottolineato quanto si possano ottenere effetti positivi seguendo una dieta più ricca in frutta, verdura, legumi, cereali integrali, pesce e olio d’oliva: infatti, essendo l’artrite reumatoide un processo infiammatorio, è fondamentale assumere acidi grassi omega 3, presenti specialmente nel salmone, nelle alici, nello sgombro, nelle aringhe, nelle noci e nell’olio di semi di lino.

Altri alimenti che possono aiutare nella prevenzione e accostati alla terapia di cura sono:

  • I cereali integrali (avena, orzo, farro) e i legumi, fonti di fibre, hanno azione antinfiammatoria.

  • La frutta, soprattutto l’ananas, grazie all’alto contenuto di bromelina, un enzima ad azione anti-infiammatoria, è sempre consigliata, specialmente se fresca e di stagione.

  • Per ciò che concerne le verdure, è bene assumere più broccoli, cavoli, cavolfiori e verza, in quanto ricchi di sulfurafano, un potente antiossidante.

  • In ultimo, il tè verde è considerato, dai più, l’antinfiammatorio per eccellenza.

È bene, invece, evitare:

  • gli alimenti ricchi di grassi saturi che portano all’aumento delle prostaglandine, che producono infiammazione, dolore, gonfiore e danni articolari;

  • i cibi fritti e pronti, che corroborano i processi di ossidazione nelle cellule;

  • un utilizzo eccessivo di sale, che favorisce gli accumuli di liquidi,

  • riso bianco e patate;

  • latticini, per il loro contenuto in caseina, che può provocare infiammazione.

  • dolci, caramelle, bevande industriali, merendine e il comune zucchero bianco, che fanno aumentare la produzione di citochine, le molecole proteiche spesso causa dell’infiammazione.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)