I nostri consigli

media
Avena senza glutine: come utilizzarla nella dieta per celiaci


L’avena comune (“Avena sativa”) è un cereale dalle grandi proprietà nutrizionali: è ricca di fibre, nello specifico di beta-glucani, composti chimici efficaci nel far diminuire la concentrazione di colesterolo nel sangue e la risposta glicemica.

È stato evidenziato, inoltre, che buona parte dei celiaci riesce a tollerare l’avena senza riscontrare problemi, anche se restano ancora dubbi riguardanti il rischio di contaminazione con cereali contenenti glutine per i celiaci, che però è molto ridotto, grazie ai progressi tecnologici e allo sviluppo di procedure specifiche di coltivazione, stoccaggio, macinazione, trasporto e trattamento delle materie prime.

C’è però una raccomandazione: bisogna consumare prodotti a base di o contenenti avena presenti nel Registro Nazionale dei prodotti senza glutine stilato dal ministero della Salute, che ha permesso la commercializzazione di prodotti a base di o contenenti avena, purché il lorocontenuto di glutine sia inferiore ai 20 ppm.

Come utilizzarla

L’avena la si può reperire sotto forma di fiocchi, di chicchi decorticati,di crusca e di farina.

Vediamo insieme in quali ricette e come utilizzarli:

  • I fiocchi di avena si possono assumere a colazione, in aggiunta a una bevanda fredda o calda, oppure cotti per dolci o per il pane. Il prodotto più conosciuto a base di fiocchi di avena è il porridge, un classico della colazione anglosassone, molto energetica e, quindi, calorica.
  • I chicchi decorticati sono più chiari e in cucina si utilizzano soprattutto in minestre, in zuppe di verdure e in insalate. Prima di essere cotta, l’avena decorticata ha bisogno di un ammollo di circa 3 ore.
  • La farina di avena, è perfetta per torte, biscotti e come ingrediente base per un pane senza glutine delizioso e sano.
  • La crusca di avena, grazie alla sua particolare concentrazione di fibre, rallenta l’assimilazione degli zuccheri, del colesterolo e delle calorie. Ha anche un basso indice glicemico quindi aiuta a ridurre la formazione di insulina dopo i pasti. Inoltre, contiene molta fibra, favorendo così il transito intestinale.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)