Menu

I nostri consigli

media
Come proteggere un tatuaggio al sole

Chi ha diversi tatuaggi sul corpo sa benissimo cosa significa prendersene cura e le conseguenze a cui l’esporsi al sole senza protezione può portare. In estate, infatti, lo stress ossidativo, la maggiore secchezza della pelle, la sua minore elasticità e il sole possono rovinare i nostri tatuaggi, dato che i pigmenti colorati, più scuri del colore della pelle, attirano i raggi solari e il calore e il surriscaldamento della pelle può portare a irritazioni o fotosensibilità.

Per questo motivo è essenziale non esporre troppo un tatuaggio al sole, così come alle lampade abbronzanti.

Cosa non fare con i tatuaggi

Iniziamo con una lista di azioni da evitare, se vogliamo mantenere il nostro tatuaggio il più a lungo possibile:

  • Andare in spiaggia subito dopo una seduta.
  • Applicare la crema ad un tatuaggio appena fatto e coperto da pellicola.
  • Mettersi al sole nelle ore più calde.
  • Utilizzare creme e oli senza protezione solare.
  • Farlo entrare a contatto con sabbia e acqua di mare prima della cicatrizzazione.

Come proteggere i tatuaggi

Uando un tatuaggio è fresco, non bisogna assolutamente esporre il tatuaggio al sole fino alla sua completa guarigione (in genere, tre settimane).

Poi, per mantenere il tatuaggio ed evitare gli effetti negativi del sole è bene:

  • Optare per una protezione semplice e non con effetto abbronzante;
  • Che la protezione sia SPF 50 resistente all’acqua;
  • mettere la crema sul tatuaggio almeno una mezz’oretta prima di buttarsi in acqua, per permetterne l’assorbimento;
  • ri-applicare la protezione e prendersi pause all’ombra tr aun’esposizione e l’altra.

Tra i principi che bisogna andare a ricercare nelle creme, consigliamo:

  • Olio di Argan: idrata la cute e la protegge dalle aggressioni esterne.
  • Acido Ialuronico.
  • Vitamina E: antiossidante.
  • Burro di Karitè: dà manforte nel garantire la naturale elasticità della pelle.

Anche il pantenolo è un elemento molto efficace, in quanto ha la capacità di penetrare nella pelle e trasformarsi in acido pantotenico, essenziale nel processo che apporta energia alle cellule dell’epidermide per stimolarne il turnover.

Molto efficaci sono anche i principi lipidici in alta concentrazione, che rinforzano il film idrolipidico, indispensabile per la protezione, l’idratazione e per garantirsi la giusta elasticità cutanea.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)