I nostri consigli

media
Infezioni e irritazioni intime: i consigli per l'estate


Arriva l’estate!

L’emozione che si può provare all’arrivo della bella stagione, soprattutto dopo il tempo trascorso a rispettare le restrizioni, è molto forte, ma non bisogna abbassare la guardia e prevenire quelle fastidiose irritazioni e infezioni intime che, col caldo e l’umidità, possono presentarsi più facilmente.

Tali disturbi possono essere più o meno intensi anche in base alle cause e alle zone afflitte, siano esse quelle esterne, interne o entrambe e i sintomi più comuni sono bruciore, arrossamento, edema e secrezione.

Cause

Per prevenire è importante comprendere quali siano le cause che generano questo tipo di disturbi.

In estate, la sudorazione può corroborare la proliferazione batterica nella zona dei genitali e l’alto tasso di umidità può, a sua volta, portare allo sviluppo di alcune infezioni.

I principali indiziati sono i costumi da bagno, nei quali spesso restano granelli di sale e sabbia, che possono essere potenziali ricettacoli di agenti patogeni. In più, un costume bagnato può favorire la macerazione dei tessuti e abbassare le difese proprio contro le infezioni.

Le altre cause da scongiurare sono relative a:

  • indebolimento delle difese immunitarie;
  • alterazione della flora batterica vaginale;
  • ansia e stress;
  • squilibri ormonali (soprattutto in gravidanza e in menopausa).

I consigli per l’estate

Quando ci rechiamo presso luoghi pubblici, quali il mare o la piscina, ma anche al lago in montagna, è fondamentale portare con sé un costume di ricambio, oltre a sciacquarsi spesso con acqua dolce.

Quando siamo in vacanza, soprattutto durante i lunghi viaggi, è importante approfittare delle soste per rinfrescarsi con acqua o salviettine detergenti. Una volta raggiunta la nostra mete, è importante ricordare che, così come a casa, gli asciugamani e la biancheria intima devono essere strettamente personali.

Per evitare l’eventuale riproduzione dei batteri dannosi quando entrano a contatto con i genitali, basta lavarsi una volta al giorno: i lavaggi in più sono necessari soloin caso di caldo e sudorazione eccessiva, sempre senza esagerare, dato che i detergenti, anche quando delicati, possono indebolire la flora batterica buona presente nell’area intima; va fatta eccezione per i rapporti sessuali, dopo i quali è necessario lavarsi.

Come prevenzione, ma anche come coadiuvanti all’eventuale terapia, ci sono diverse buone abitudini:

  • in caso di ciclo, utilizzare assorbenti in fibre naturali che rispettano la mucosa vaginale;
  • lavarsi con un movimento dalla vagina all’ano,per scongiurare il passaggio di batteri dalla zona anale a quella vaginale;
  • indossare biancheria intima di cotone traspirante;
  • far indossare sempre il preservativo;
  • controllare la pulizia delle superfici dove si fa sesso;
  • non indossare indumenti troppo stretti.

Cosa fare se l’infezione è già comparsa

Di base, un consulto medico dal proprio ginecologo può fare solo bene.

Nei casi meno acuti, è possibile chiedere al proprio farmacista un consiglio sulla crema o la pomata ad azione lenitiva che possa essere utile contro il disturbo.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)