I nostri consigli

media
Osteoporosi: cos'è, cause e cure


L’osteoporosi è una malattia sistemica che porta a una riduzione della massa ossea e a un'alterazione della microarchitettura del tessuto scheletrico, che si indebolisce e diventa più suscettibile a fratture causate anche da lievi traumi, oltre che spontanee.

Cause

Alcune delle cause dell’osteoporosi sono conseguenti a cattive abitudini, ma anche a fenomeni fisiologici che hanno luogo nel nostro organismo con l’avanzare del tempo. Tra le principali ci sono:

  • Apporto ridotto di latticini nella dieta o, comunque, bassa assunzione di calcio;
  • vita sedentaria, assenza di attività fisica e sovrappeso;
  • esagerata assunzione di bevande gassate;
  • dieta caratterizzata da da alimenti ricchi di conservanti e preconfezionati;
  • nelle donne riduzione nella secrezione di estrogeni;
  • menopausa;
  • stress;
  • fumo di sigarette.

In buona parte dei casi è la compresenza di diversi fattori di rischio che portano a osteoporosi.

Prevenzione e cura

L’osteoporosi è un disturbo dal quale non si può guarire mala si può prevenire oppure rallentarne o arrestarne la progressione.

I trattamenti disponibili permettono addirittura di aumentare la densità delle ossa, rallentando o fermando la tendenza alla perdita di massa ossea.

Gli atteggiamenti da assumere per prevenirne la comparsa, vanno intesi anche come pratiche benefiche da adottare anche in caso di cura del disturbo:

  • Eseguire una attività fisica
  • Osservare una alimentazione corretta che aiuti a mantenere il peso forma.
  • Non fumare: il fumo amplifica i disturbi legati alla menopausa.

Sono consigliati gli alimenti ricchi di calcio: latticini, verdure a foglia larga come il cavolo, la frutta secca come le mandorle, i legumi come la soia. Bisogna anche limitare l’assunzione di cibi con alti valori di fosforo come la carne rossa, i cibi elaborati e ricchi di conservanti e le bevande gassate. Valori troppo alti di fosforo possono corroborare la perdita di calcio e magnesio nelle ossa.

Prevenzione con la MOC

La mineralometria ossea computerizzata (Moc ) è una pratica diagnostica, usata per identificare l'osteoporosi: consta della misurazione della densità ossea, finalizzata al quantificare il rischio di frattura nel paziente, ed è ritenuta una pratica di prevenzione secondaria.

Terapie farmacologiche

Ci sono diversi farmaci ben noti per la prevenzione e il trattamento dell’osteoporosi, e possono essere suddivisi in tre categorie:

  • agenti anti-riassorbitivi: attenuano il riassorbimento osseo, agendo col fine di arrestare la perdita di osso e preservando la densità ossea;
  • agenti anabolici: sostengono la formazione di nuovo osso;
  • agenti con doppio meccanismo: rallentano lievemente il riassorbimento osseo e stimolano debolmente la formazione di nuovo osso.

È il medico che indicherà il trattamento più adeguato per ogni singolo paziente, prendendo in considerazione aspetti quali:

  • sesso: alcuni medicinali sono approvati solo per le donne e altri per entrambi i sessi;
  • età: alcuni sono più indicati per le donne in post-menopausa giovani, altri per quelle più anziane;
  • gravità dell’osteoporosi;
  • presenza di ulteriori fattori di rischio, come il rischio di cadute;
  • comorbilità del paziente, alcuni farmaci sono controindicati in condizioni cliniche specifiche.

Riteniamo importante ricordare che la lotta all'osteoporosi non parte dalla semplice diagnosi precoce quanto dalla sua prevenzione e, quindi, dall'adozione di corretti stili di vita.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)