Menu

I nostri consigli

media
Stress da shopping


Il Black Friday è da qualche anno “tradizione” anche in Italia e, quest’anno, cade il 26 novembre.

Vogliamo prima di tutto chiarire un aspetto: con questo articolo non intendiamo demonizzare lo shopping in generale, ma semplicemente evidenziare alcuni aspetti che sono relativi proprio alle giornate come questa e allo shopping compulsivo, che possono portare stress in alcune perone.

Per i tanti il “venerdì nero” è l’occasione per approfittare di diversi sconti, ma fare a gomitate con chi vuole accaparrarsi quell'ultimo prodotto in offerta, restare in lunghe file, saltare da un negozio all'altro per non perdere nessuna occasione, sono azioni che diventano spesso motivo di tensione, disagio e di frustrazione.

Lo shopping compulsivo

Il black friday potrebbe diventare un ennesimo motivo per spendere per chi è affetto dalla sindrome da shopping compulsivo, un riconosciuto disturbo psicopatologico che porta ad avere un impulso irresistibile e incontrollabile a fare acquisti. È ritenuta un disturbo ossessivo-compulsivo caratterizzato dall’impulso a fare shopping in maniera sconsiderata e che, negli ultimi anni, ha ricevuto molta attenzione da parte dei sociologi.

La maggior parte delle persone che manifesta tale sindrome, spesso le donne giovani, avvertono una forte ansia correlata alla spesa effettuata, cui consegue un senso di sollievo e un nuovo desiderio di acquistare un altro oggetto desiderato.

Sul momento l’organismo non accusa nulla, ma accumula stress che può ripercuotersi sulla salute generale. Spesso le cause sono le file e le folle che invadono i negozi, quindi buona parte di questo stress può essere evitata dedicandosi solo agli acquisti online. Altro aspetto importante per uscire indenni, è avere le idee chiare, come una lista delle cose che si desiderano, conoscendo i negozi dove trovarle.

Se si eseguono acquisti mirati, magari di quei prodotti che si desiderano da tempo ma che non si riusciva ad acquistare perché troppo costosi, si può provare invece una sensazione di appagamento, dovuta all'attivazione di alcune zone del cervello quando si desidera un oggetto, che portano alla produzione di dopamina, neurotrasmettitore del benessere.

Se vuoi approfondire l’argomento, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di rispondere alle tue domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)