I nostri consigli

Stretching e rilassamento muscolare, come e quando farlo

Lo stretching

Parlando di stretching non possiamo definire un momento migliore, dato che dipende dal tipo di stretching e dallo scopo per cui lo si effettua. Esistono due tipi di stretching:

  • dinamico: quando si allungano i muscoli con movimenti a velocità variabile (lenta, media o veloce);

  • statico: quando si tiene la muscolatura in posizione di allungamento per periodi più o meno prolungati;

In genere lo stretching di tipo dinamico medio-veloce va effettuato all'inizio della seduta di allenamento, come metodo di riscaldamento, dato che uno stretching "statico", in questa fase, può peggiorare la prestazione fisica e incrementare il rischio di infortuni.

Lo stretching finalizzato all’allungamento della muscolatura è senza ombra di dubbio da effettuare immediatamente dopo la fine della seduta di allenamento oppure nei giorni di riposo.

In quest’ultimo caso, il metodo migliore è effettuare un breve riscaldamento di 5-10 minuti di leggera attività aerobica o subito dopo una doccia-bagno caldi.

L’importanza della respirazione

Numerose ricerche indicano che la nostra muscolatura si rilassa automaticamente nel momento in cui espiriamo e si contrae quando inspiriamo o tratteniamo il respiro.

Utilizzare la respirazione per controllare il nostro stretching è quindi uno dei metodi più efficaci per stretching, ma anche per il rilassamento muscolare: allungare la muscolatura in fase di espirazione e rilassarla in fase di inspirazione. Lavorare con respirazioni lunghe e profonde e movimenti controllati, soprattutto nel periodo iniziale, passando poi a "onde" più veloci una volta avuta padronanza di questa tecnica.

Il rilassamento muscolare

Il rilassamento muscolare va effettuato nei giorni di riposo dall’attività fisica.

Mantenere in buono stato la muscolatura, preserva dal rischio di alcuni disturbi e prevenibili, come i problemi posturali, le mialgie o i dolori articolari. Il raggiungimento del benessere psicofisico è spesso associato all'idea di stimolazione muscolare e passa attraverso tutte quelle fasi di allenamento che si pongono come obiettivo l'aumento delle performance del muscolo, mentre il raggiungimento del benessere psicofisico passa attraverso la distensione e il rilassamento muscolare.

Così come l'esercizio fisico anche la distensione muscolare è utilizzata sia per finalità terapeutiche che per quelle relative alla performance.

La distensione, oltre ad agire sul sistema muscolare, determina anche modificazioni importanti sul sistema nervoso, con relative conseguenze sia a livello corporeo che emotivo; infatti è possibile distinguere tra tecniche di distensione e tecniche ginniche delle terapie del movimento.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato.
Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)